Print this page
Thursday, 26 April 2012 19:56

Non è Hollande che fa aumentare lo spread Featured

Written by  Alfonso Gianni
Rate this item
(0 votes)

Appena chiuse le urne del primo turno delle presidenziali francesi, le Borse europee hanno mediamente perso il 3% (ma a Milano è andata peggio) e lo spread tra i nostri titoli e i Bund tedeschi è tornato a superare i 400 punti, per poi ridiscendere lievemente e infine tornare a danzare attorno a quella soglia. C’è un legame diretto tra questo e la vittoria, peraltro non travolgente e tutta da confermare, di Hollande? Tutti i titoli dei giornali hanno accreditato questa tesi. Ma le cose non stanno così.

I motivi del nuovo allargamento dello spread e delle difficoltà delle Borse stanno altrove. Risiedono nella incapacità della politica della Ue di affrontare la crisi. Paul Krugman, il liberal americano premio Nobel dell’economia, l’ha definita senza mezzi termini una follia. Ovvero il rigore di bilancio, spinto fino alla sua costituzionalizzazione, come è avvenuto nel nostro paese senza che quasi nessuno se ne accorgesse, sta annichilendo l’economia reale senza dare nessun sollievo allo stesso quadro finanziario. Quindi perde su entrambi i fronti.

Eppure pareva che l’intervento della Bce qualcosa avesse fruttato. In effetti la concessione di ben 1000 mld di euro al tasso dell’1% è stata ben vista dalle banche, in particolare le italiane. Solo che queste hanno utilizzato questa pioggia di denaro a bassissimo costo solamente per acquistare titoli di stato a breve, senza riversarle nel credito alle persone e alle imprese. Infatti la stretta creditizia si è fatta pesante – e i suicidi dei piccoli imprenditori l’hanno drammaticamente sottolineato -, anche per colpa delle misure di incremento del capitale delle banche decise a Basilea 3 che hanno ulteriormente indotto le banche a negare i prestiti. L’impatto sull’economia reale è stato quindi nullo, mentre l’acquisto dei titoli ha fatto migliorare solo provvisoriamente lo spread.

Si è trattato infatti di un semplice metadone, non di una vera cura tossicologica, cosa di cui il finanzcapitalismo avrebbe bisogno. Quando le banche si sono ben riempite la pancia di titoli di stato, la speculazione finanziaria è ripartita. Morgan Stanley ha ridotto nei primi tre mesi del 2012 la sua esposizione verso i paesi europei più a rischio del 21%, con particolare accanimento nei confronti dell’Italia. Morgan ha venduto un miliardo di Cds (contratti assicurativi contro il rischio di default dei paesi) della Spagna e dell’Italia in particolare. Non c’è da stupirsi se aumentano gli spread fra i titoli italiani e spagnoli nei confronti di quelli tedeschi. Intanto la famosa regolamentazione dei mercati non è mai partita. Quindi il volume dei titoli derivati è tornato ad essere quello del 2008, ovvero quasi 12 volte il prodotto interno lordo mondiale. Una enorme bolla finanziaria che può scoppiare da un momento all’altro.

Hollande c’entra poco con tutto ciò, come si vede. Almeno per ora. Se verrà eletto, come è possibile oltre che auspicabile, e se manterrà fede all’impegno di ridiscutere il fiscal compact, si vedrà. C’entra moltissimo il fatto che il neoliberismo torna a farla da padrone, sulla scia del presunto rigore dei bilanci. Per l’Europa, per salvare l’Euro, per scongiurare la distruzione di ciò che resta del modello sociale europeo, per evitare che la crisi devasti ancora più la vita delle persone, c’è solo una strada da percorrere urgentemente: modificare radicalmente il fiscal compact che entro giugno i parlamenti europei dovrebbero ratificare e cambiare il ruolo della Bce, che deve diventare prestatore in ultima istanza, proprio per sottrarre i titoli di stato alla speculazione dei grandi centri del capitale finanziario.

Alfonso Gianni

da: http://www.sinistraecologialiberta.it/articoli/non-e-hollande-che-fa-aumentare-lo-spread/

Read 25742 times Last modified on Sunday, 28 October 2012 23:05