Monday, 31 January 2011 17:29

Voto Fiat : Una sconfitta di misura dal profumo di trionfo, che la sinistra attuale non ha fatto nulla per meritare. Featured

Written by  Bartolomei Franco
Rate this item
(0 votes)

La percentuale altissima di No espressi  dai lavoratori di Mirafiori, pur in presenza di condizioni di  forte condizionamento psicologico, rappresenta ,  ben al di la' del merito aziendale del giudizio negativo su un piano di riorganizzazione della produzione nell'impianto, un segnale di contrarieta' fortissimo al  progetto di riorganizzare, come prima risposta forte da destra alla crisi,  i sistemi  di governo delle dinamiche sociali .

 

Rappresenta un NO forte e chiaro al tentativo di governare le conseguenze sociali della crisi , e  organizzare una possibile riattivazione dei processi di crescita, riducendo le  rappresentanze sociali ad eclusivo momento interno ad una gestione meramente attuativa degli equilibri esistenti, economici , finanziari, e sociali,  predeterminati da processi decisionali riservati in gran parte a tecnostrutture esterne alle sedi istituzionali deputate alla espressione della sovranita’ popolare.

Sotto questo profilo l'esito del voto, che purtroppo la sinistra ufficiale con pochissime eccezioni non ha minimamente cercato di favorire preferendo stare alla larga da una disfatta data per sicura,  rappresenta per la Sinistra Italiana  una occasione eccezionale per avviare finalmente  una riflessione critica sulla  propria incapacita' di  proposta e sulla bassissima qualita' dei propri livelli di rappresentativita' sociale.

Una riflessione che costituisce la  premessa inevitabile della  rifondazione di una grande nuova forza unitaria della Sinistra, Socialista e Democratica, che possa definire , proporre, e condurre  a compimento un progetto di governo autenticamente alternativo alle ragioni sociali  di un sistema di rapporti economici e finanziari la cui crisi verticale compromette  lo sviluppo futuro della nostra societa', e minaccia la stessa tenuta sostanziale della nostra Democrazia.

Nella analisi  particolare emerge come  il risultato del voto riflette in modo fedele, nella media dei voti espressi nei diversi reparti, il concreto inserimento dei singoli lavoratori all'interno dei processi produttivi della fabbrica.

Coloro che vivono in modo piu' stringente la compressione degli spazi nella riduzione forzata dei tempi di interruzione ha votato in maggioranza NO, e chi ha visto nella sostanza non alterata la natura e la qualita' delle modalita' della propria prestazione lavorativa ( come gli impiegati, o i turnisti di notte) ha votato in stragrande maggioranza SI.

La differenza ponderale del voto nelle due diverse reazioni, per cui la risposta negativa all'accordo avviene con un differenziale molto minore rispetto ai reparti, di numero minore, dove la risposta è favorevole, dipende direttamente dalla paura della chiusura della fabbrica, spudoratamente instillata dall'amministratore delegato Fiat.

Il resto sono chiacchiere.

Resta il risultato finale, assolutamente impensato prima del voto,di quasi la meta' dei dipendenti che mettono a rischio il proprio futuro per dire di no ad un accordo che comprime i loro diritti, e rende molto piu' faticose le proprie condizioni di lavoro.

Questo risultato rappresenta  una sconfitta gigantesca di chi ha pensato di poter modificare le relazioni industriali con atti d'imperio, e si ritrova in mano una risicata maggioranza ottenuta sulla paura di perdere il lavoro.

L'esito finale della consultazione tra i lavoratori assume  quindi  un significato politico assolutamente incomparabile  con quello assunto dal  referendum sulla scala mobile del '84, che aveva come obiettivo quello di favorire , attraverso un decreto articolato e compensativo del governo, e non del padronato, una tutela del salario reale, come infatti accadde, attraverso un raffreddamento dell'inflazione, e non produsse alcuna  alterazione  in termini autoritari dei  rapporti tra le parti sociali.

Per tali ragioni appare assolutamentei improprio ed ingannevole qualsiasi tentativo del governo, del padronato Fiat , o di commentatori per nulla indipendenti, di richiamare quel precedente per sostenere la fattibilita' di un disegno di revisione delle relazioni industriali fondato sulla compressione della autonomia negoziale piena ed incondizionata dei lavoratori,  da imporre attraverso lo smantellamento  di un sistema di rappresentanze fondato sulle libere  adesioni reali dei lavoratori ai sindacati  e la sua sostituzione con l' opposto criterio della  preventiva adesioni di questi alle proposte aziendali come fonte di legittimazione.

Questo voto a Mirafiori, al contrario,  chiude ' un ciclo storico di ritirate sociali, e di oscuramento culturale delle classi subalterne, iniziato con la marcia dei 40.000 alla fiat nell'autunno '80, che non a caso si conclude con la maturazione nella coscienza comune della consapevolezza della fine di un intero modello di sviluppo fondato sulla idea della assoluta omologazione dei comportamenti collettivi alle logiche economiche e della presunta superiorita' " etica" delle scelte d'impresa.

E' la manifestazione di  un mutamento di orientamenti e di sentimenti in  atto nel profondo nella coscienza della societa' che segna un mutamento epocale .

Da oggi ognuno e' piu' libero!

Cerchiamo di fare meglio il nostro dovere e di essere un po' tutti  all'altezza delle nuove possibilita' che si aprono dinanzi a noi , e sopratutto cerchiamo di meritare l'aiuto che, non tanto a sorpresa , abbiamo ricevuto dagli operai di Mirafiori.

FRANCO BARTOLOMEI

Segreteria Nazionale del PSI.

Read 6113 times Last modified on Sunday, 28 October 2012 23:05

Login

MiniCalendar

October 2020
SMTWTFS
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Manifestazione 15 ott.