Error
  • JUser: :_load: Unable to load user with ID: 84
Print this page
Monday, 16 May 2011 22:27

A caldo Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

 

Alcune brevi considerazioni, buttate lì, come si suol dire, a caldo.

Certo, occorrerà apettare poi i risultati definitivi, ma non solo, occorrerà aspettare anche i risultati dei ballottaggi.

Pure, un paio di cose le possiamo dire già ora.

La prima, vincono i candidati della sinistra, anche del PD, come Fassino a Torino o Merola a Bologna, che sono usciti dalle primarie. Vincono, cioè, quei candidati che hanno saputo mettersi in gioco e confrontarsi con i cittadini, non quelli frutto di operazioni a tavolino. Lo stesso risultato di De Magistris a Napoli, dopo cioè che era successo in primarie pasticciate e annullate, costituisce ora una sorta di primarie del centro-sinistra in sede di elezioni.

La seconda cosa è che la sinistra, con candidati chiari, come detto, e unita, vince anche senza il contributo determinante - e condizionante - del cosiddetto terzo polo, che ottiene un risultato, onestamente, poco significativo.

In tale contesto, il risultato delle liste socialiste, intese in senso autonomista ed in un progetto politico che guarda ad una alleanza con il centro, proprio per il venir meno della centralità di questo, è poco consistente. La scelta, pur rispettabile ed eroica, di una presenza di bandiera o di un recupero di un dialogo lib-lab ormai datato, non dà i risultati sperati. Sicuramente non li dà al nord o nelle grandi città come Napoli.

Considerazioni queste sulla sinistra, per il resto, un solo dato: il Re è nudo.

Anche se non è detto che sia ancora vinto.

 

Pier Luigi Camagni

consiglio nazionale PSI

coordinamento Lega dei Socialisti Lombardia

Read 8986 times Last modified on Sunday, 28 October 2012 23:05

Latest from