Tuesday, 14 June 2011 08:30

Lega dei Socialisti: alcuni punti fermi Featured

Written by  Franco Bartolomei e Pier Luigi Camagni
Rate this item
(0 votes)

 

Care compagne e cari compagni,
crediamo che il momento sia di vitale importanza per tornare a porre con forza al dibattito politico nazionale il tema di una nuova, grande, forza socialista della sinistra.

Forza che possa collocare il superamento dell’autosufficienza del PSI all'interno di un più complessivo disegno, in cui la rinascita del socialismo italiano possa coincidere con un processo di ristrutturazione e rifondazione di tutta la sinistra.
In tale contesto, così come già altri, secondo loro tempi e modalità, hanno avviato un loro percorso organizzativo, è indispensabile che lo inizi anche la Lega dei Socialisti Nazionale.

 

Anche al fine di poter poi concorrere, nella chiarezza delle posizioni, a più ampi processi unitari con le altre forze sparse che oggi occupano in modo disordinato la vasta area del socialismo di sinistra.

 

A riconferma di ciò, la nascita di sempre più Leghe - ultime quelle della Liguria e dell’Abruzzo - a coprire ormai quasi tutto il territorio nazionale, quasi tutte promosse su impulso dei compagni che dirigono a livello nazionale la Sinistra Socialista, che hanno riconfermato i loro intenti alternativi alla attuale segreteria del PSI con i loro documenti di Sassuolo e Reggio Emilia.

Se così è, vi sono alcuni punti che debbono essere chiari:

  1. La struttura nazionale deve avere una capacità direzionale complessiva del movimento, attraverso l'azione degli organi previsti nello statuto già approvato il 16 ottobre 2010. Senza tali strutture il progetto della Lega dei Socialisti è destinato a morire in mille rivoli di nessuna rilevanza. Chi si oppone a ciò, mascherando tale intento dietro un federalismo di facciata, non può che porsi il reale  obbiettivo di evitare che la Lega divenga soggetto attivo indipendente ed autonomo, sopratutto se contemporaneamente aderisce ad altre strutture nazionali aventi diverse impostazioni.
  2. La Lega dei Socialisti vuole e deve essere un soggetto politico, che non significa un nuovo partito, ma soggetto che abbia dignità di interlocutore nel quadro politico, nel quale l'autonomia delle leghe locali territoriali non è mai stata concepita come un limite ad una soggettività unitaria della struttura nazionale di coordinamento e direzione politica complessiva.
  3. La Lega dei Socialisti lavora per la nascita di un nuovo, grande, soggetto della sinistra che abbia, però, una forte identità socialista. In tale contesto, le compagne e i compagni socialisti che operano in questa prospettiva, hanno piena dignità, indipendentemente dalla eventuale adesione a questo o quel partito. Anzi, come Lega dei Socialisti, fatta da compagni iscritti al PSI, a SEL , aderenti ad altre associazioni, o non iscritti ad alcuna struttura, dobbiamo riaffermare che proprio da questi partiti (PSI e SEL), così come da aree significative della Federazione della Sinistra interessate al superamento della identità comunista, e dalle aree del PD che intendono modificare la natura del loro soggetto politico, ma anche dai movimenti per la legalità, la pace ed i diritti civili e sociali, bisogno ripartire per questa opera di costruzione.
  4. La Lega dei Socialisti, nata come idea nel seno della Sinistra Socialista, anche se alcuni compagni dopo il congresso hanno lasciato il PSI, rimane progetto di fondamentale importanza come realtà di cerniera tra chi è uscito dal PSI e chi vi è rimasto, fondato sulla necessità di ricostruire una unità tra i socialisti di sinistra, tendenzialmente sostitutiva dello stesso PSI qualora il suo gruppo dirigente decida di confluire nel PD, come condizione necessaria per affrontare un percorso di riunificazione a sinistra nel solco del processo di rifondazione e ridefinizione degli obiettivi in atto in atto nel socialismo democratico.
  5. Queste indicazioni sono in linea con lo statuto approvato nell’assemblea nazionale del 17 ottobre scorso.
  6. Se vi sono Leghe territoriali che nel frattempo hanno aderito, liberamente e legittimamente, ad altri soggetti, così come noi non ci siamo opposti e non abbiamo creato ostacoli a tutto ciò, nella speranza di creare sempre più sinergie per il futuro, non possono ora frapporre veti e impedimenti alla costituzione della Lega Nazionale. Se così si facesse, sarebbe chiaro l’intento di impedirne la nascita.
  7. Per questi motivi le Leghe Socialiste di tutta Italia andranno avanti comunque verso la costituzione di una struttura di coordinamento nazionale diretta e coordinata come da statuto da un segretario e da un presidente, affiancati rispettivamente da uno o più vice e da un esecutivo ristretto rappresentativo delle diverse realtà territoriali, che verranno eletti sulla base di tesi poltiche definite in continuità con tutto il patrimonio di elaborazione costruito in questi più di due anni di lavoro politico, avviati con il documento al CN del PSI del 17/7/2009, ribaditi con la partecipazione socialista al convegno nazionale di SEL nel dicembre 2009 e sintetizzati nel grande convegno fondativo del 1/2/2010.

Franco Bartolomei
Pier Luigi Camagni

Giacomo La Commare - Lega dei Socialisti Emilia Romagna

Giuseppe Iacopini, Manfredi Mangano - Lega dei Socialisti Marche

Sergio Alonzi e Antonello Di Pasquale - Lega dei Socialisti Abruzzo

Piero De Matteis, Raffaele Vilonna - Lega dei Socialisti Lombardia

Roberto Franco, Alessandro Battistoni, Desiree Cocchi, Lucio Lo Faro, Andrea Sestili - Leghe dei Socialisti Roma

Giorgio Brero - Lega dei Socialisti Liguria

Augusto Da Rin - Lega dei Socialisti Nord-Est

Carmen Centrone, Vito Lattarulo - Lega dei Socialisti Puglia

Stefano Longo e Nadia Butini - Lega dei Socialisti Novara

Carmelo Giuseppe Nucera - Lega dei Socialisti Calabria

Gioacchino Assogna - Lega dei Socialisti di Ostia

Manuel Santoro - Associazione Libertà ed Eguaglianza

Francesco Virgilii - A.N.CO.DA.S. (Associazione Nazionale Contro il Danno Sociale)

Andrea Buonajuto, Enrico Ricciuto, Alberto De Rosa, Franco Emma, Mario Borrello - comitato promotore Lega dei Socialisti Campania

Francesco Gismondi - referente Movimento RadicalSocialista (Lega dei Socialisti Lombardia)

Manrico Macilenti (vicesegretario), Stefano Ferrari (resp. serv. multimediali), Massimo Crisci (Tesoriere) - Socialismoesinistra

Adriano Bartolucci - Lega dei Socialisti Lgtd

 


Read 2786 times Last modified on Sunday, 28 October 2012 23:05

Login

MiniCalendar

October 2020
SMTWTFS
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Manifestazione 15 ott.